“Avamposto” è uno spazio di ricerca – articolato in rubriche di approfondimento – che si propone di realizzare un dialogo vivo rivolto allo studio della poesia attraverso un approccio multidisciplinare, nella consapevolezza che una pluralità di prospettive sia maggiormente capace di restituirne la valenza, senza mai sfociare in atteggiamenti statici e gerarchizzanti. Ma “Avamposto” è anche un luogo di riflessione sulla crisi del linguaggio. L’obiettivo è interrogarne le ragioni, opponendo alla tirannia dell’immediatezza – e alla sciatteria con la quale viene spesso liquidata l’esperienza del verso – un’etica dello scavo e dello sforzo (nella parola, per la parola). Tramite l’esaltazione della lentezza e del diritto alla diversità, la rivista intende suggerire un’alternativa al ritmo fagocitante e all’omologazione culturale (e linguistica) del presente, promuovendo la scoperta di autori dimenticati o ritenuti, forse a torto, marginali, provando a rileggere poeti noti (talvolta prigionieri di luoghi comuni) e a vedere cosa si muove al di là della frontiera del già detto, per accogliere voci nuove con la curiosità e l’amore che questo tempo non riesce più a esprimere. 

DIREZIONE

Sergio Bertolino

Giuseppe Todisco

REDAZIONE

Andrea Annessi Mecci

Antonio Bux

Simone De Maio

Antonio Fiori

Alfonso Guida

Giovanni Laera

Davide Toffoli

William Vastarella

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica perché aggiornato senza alcuna periodicità. Non si propone di avere ricavi economici né punta a ottenere dallo Stato «benefici, agevolazioni e provvidenze». Non va pertanto considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001.

Alcune delle immagini pubblicate sono state reperite su Internet e giudicate di pubblico dominio. Chiunque, potendo vantare diritti su di esse, volesse chiederne la rimozione, è pregato di contattarci all’indirizzo di posta elettronica avampostopoesia@gmail.com.