JOYCE MANSOUR
Poesie scelte

***


Il chiodo conficcato nella mia guancia celestiale

Le corna che spingono indietro le mie orecchie

Le mie piaghe sanguinanti che non guariscono mai

Il mio sangue che diventa acqua che si scioglie che profuma

I miei bambini che strangolo esaudendo i loro desideri

Tutto ciò fa di me il vostro Signore e il vostro Dio.



***


Lascia che ti ami.

Amo il sapore del tuo sangue denso

Lo trattengo a lungo nella mia bocca senza denti.

Il suo ardore mi brucia la gola.

Amo il tuo sudore.

Mi piace accarezzarti le ascelle 

Grondanti di gioia.

Lascia che ti ami

Lascia che ti lecchi gli occhi chiusi

Lascia che li buchi con la mia lingua appuntita

E ne riempia le cavità con la mia saliva trionfante.

Lascia che ti accechi.



***


Accogli le mie preghiere.

Trangugia i miei pensieri viziati.

Purificami: che i miei occhi si aprano

Che vedano il sorriso interiore degli assassini.

E una buona volta

Giuda crocifiggimi.



***


Il buco sulla mia testa

L’ebrezza nella mia bocca

E tu sulla mia schiena

Il gatto sul letto

Che rosicchia un occhio tenero

Un occhio di pellegrino in cerca del suo Dio.



***


Aspettami.

Sento a malapena il tempo fuggire

Dalla camera dove le mie lacrime dormono nel letto.

Conosco il tuo corpo spigoloso

Che danza senza sosta al suono delle mie risa.

Conosco il tuo corpo vizioso

A cui piace solo il calore degli agonizzanti

Nelle sue braccia sulla sua bocca fra le sue gambe dai folti peli.

Aspetta che il mio piacere si appresti a morire

Aspetta che il mio corpo si geli s’irrigidisca

Prima di divertirti.



***


Tu vuoi il mio ventre per nutrirti

Vuoi i miei capelli per saziarti

Vuoi le mie reni i miei seni la mia testa rasata

Vuoi che io muoia lentamente lentamente

Che morendo io mormori parole infantili.



***


Mi piace giocare con le piccole cose

Le cose non nate rosee sotto i miei occhi di folle

Gratto stuzzico uccido rido

Mentre le cose non si muovono più

E io rimpiango la mia febbre di folle

Ho compassione per i miei degenerati genitori

Vorrei cancellare il sangue dai miei sogni

Abolendo la maternità.



***


Voglio mostrarmi nuda ai tuoi occhi cantanti.

Voglio che tu mi veda gridare di piacere.

Che le mie membra piegate sotto un peso troppo greve

Ti spingano ad atti empi.

Che i capelli lisci della mia testa offerta

Si impiglino nelle tue unghie incurvate dal furore.

Che tu rimanga in piedi cieco e credente

Guardando dall’alto il mio corpo spiumato.



***


Distesa sul mio letto

Vedo il tuo viso riflesso sul muro

Il tuo corpo senza ombra che fa paura al mio

Il tuo movimento frenetico e cadenzato

Le tue smorfie che fanno scappare tutti i mobili della stanza

Tranne il letto ancorato dal mio sudore di menzogna

Ed io che aspetto senza coperta né speranza

L’angoscia.



***


Che i miei seni ti provochino

Voglio la tua rabbia.

Voglio vedere i tuoi occhi appesantirsi

Le tue guance impallidire incavandosi.

Voglio i tuoi brividi.

Che tu esploda tra le mie cosce

Che i miei desideri siano esauditi sul suolo fertile

Del tuo corpo senza pudore.

Pizarnik cover_edited.jpg

Joyce Mansour (all’anagrafe Joyce Patricia Adès) nacque il 25 luglio 1928 a Bowden, in Inghilterra, da genitori ebrei egiziani. Gli antenati appartenevano da generazioni alla colonia britannica del Cairo, dove si distinse per i successi ottenuti nel salto in alto e soprattutto nella corsa. Nel 1947 rimase vedova e, nel 1949, si risposò con Samir Mansour, membro della colonia francese del Cairo, con il quale in un primo tempo visse in Egitto, per poi trasferirsi definitivamente a Parigi. Fu attratta dalla cultura parigina ed iniziò a scrivere in lingua francese. Nel 1953 la casa editrice Seghers pubblicò la sua prima raccolta di poesie Cris. Nello stesso anno l’incontro con André Breton le permise di entrare in contatto e di collaborare con l’ambiente surrealista. Come poetessa fu molto apprezzata, tanto che la sua notorietà varcò i confini della Francia. Le sue opere si distinsero per la carica erotica. Il poeta e critico d’arte Alain Jouffroy ne attribuì la mancanza di pudore ad una sorta di rivendicazione femminile nei confronti dell’erotismo, considerato una creazione esclusiva maschile. Morì di cancro nel 1986 a Parigi.



*

Testi selezionati da Grida (1953)