Inediti

IANUS PRAVO

***


Se il volto inclinato

rettile al silenzio


in cui si apre cerimonia il corpo

al vuoto dell’origine


poi torce l’asse all’alterità

che devasta lo spazio di luce


tra questo nuovo mutismo,

lubricità del silenzio,

e lo sguardo del non Dio


della cui audacia insanguinati

orina e il dolor senza pena,

il pane dei corpi alla fame


che limita in fiamme,

maschera,

il nulla.



***


Di limbo nella carne il sorriso

commisura e la forza e la forma,

deradica nel centro in frammenti

il metro fibrillare


cadente in un vuoto di voce.


Sorriso in unghie bianche

che stria fluidi rizomi di corpi,

vacilla nel ritorno


a bordo d’asse aprendo frazione.


Dalla forza a verme della forza

la linea che transita alla bocca

per il fuoco bianco per il rosso

sulla forza decomposta in linea.



***


Il nerbo vibra nella forma nuda

e il fosforo marcisce

in perfezione al ghiaccio.


Formato loco ta hékasta in shem

il sangue oltre il suo flusso


a interna lontananza

sformata degli istanti.


La Pietà che tortura il volto,

il gelo oscurato che esclude

dal desiderio la mia cenere


e la tua, carnem carmen,

e la feccia.




Ianus Pravo è nato a Treviso, ma ha vissuto la maggior parte della sua vita a Barcellona, in Spagna. Ha pubblicato, tra gli altri, i volumi di poesia in lingua spagnola Mudrà (Caracol Nocturno, 2003), N. S. A. (Caracol Nocturno, 2004) e, in lingua italiana, Senz’arma che dia carne all’imperium (con Leopoldo María Panero, SEF, 2011; versione spagnola: El Ángel Caído, 2015). È tra gli autori inclusi in Poeti della lontananza (a cura di Sonia Caporossi e Antonella Pierangeli, Marco Saya, 2014). Di Leopoldo María Panero ha tradotto in italiano: Narciso nell’accordo estremo dei flauti (Azimut, 2005), Dal manicomio di Mondragón (Azimut, 2007), Peter Pan non è che un nome. Poesie 1970-2009 (con Sebastiano Gatto, Il Ponte del Sale, 2011) e Il cervo applaudito (EDB, 2013). Ha ricevuto, per la silloge Segno e ventre, il premio speciale del presidente della giuria a Bologna in Lettere 2021. Ha inoltre partecipato come autore e attore ai mediometraggi Banned (2013) e Estantigua (2014), con la regia di Irada Pallanca (NOoN).



*

Fotografia © Ben Zank


18/06/2021