Mustafa-Sabaggh - Calandrone.jpg

Inediti

CHIARA CATAPANO

DI QUANDO MAJAKOVSKIJ IN SOGNO HA LETTO UNA MIA POESIA



Considera questo: nulla di diverso

Solo una nota vagamente asprigna sull’amara radice.

La voce più tremenda della sua apparizione;

Le parole, scheletri di luce.

E lui seduto, terastico impassibile

Frusta l’aria dentro l’ugola russa.

Majakovskij non mi era mai venuto a trovare in precedenza;

L’ho considerato un gesto delicato

Compiuto senza troppi complimenti,

Alla sua maniera.


Ha raccolto i miei versi in grappoli metallici

Il succo lo premeva fuori

Schiacciando tra le mandorle

Dei denti, chicco dopo chicco

Il latte di un qualche arcaico sacrificio.

Ma poi com’era carico di senso il suo idioma

Una sorta di terra vergine tra il russo e il sogno;

Io dipingevo i suoni a doppia lama

Che non raggiungevano niente e nessuno

Ma che s’incatenavano all’aria vibrante santità.

Il Dio ebbro della poesia non cercava più la sua morte,

E lui pareva contemplato dai cieli

Splendido, inarrivabile.

Il brusio della vita calato in quel fosco paradigma

Dentro l’ingranaggio dell’uditorio

Nel perfetto silenzio divaricato tra le parole.



KŌSHŪMISAKA SUIMEN

– TORII (鳥居) –


A nord mi chiude la montagna, a sud il melograno.

Sono porte senza lucchetti, felicemente aperte.

Pure non procedo oltre il loro specchio,

architrave meraviglioso il cielo.

La chiave mia inutile attende.

Vento e luce scavalcano i guardiani inesistenti

attraverso le correnti della realtà fluttuante.

Cerco il mio volto riflesso nelle acque del lago Misaka,

ma non si apriranno a me le porte spalancate

finché non l’avrò colto, stupito, nel cuore delle onde.




Chiara Catapano è nata a Trieste nel 1975. Laureata in Filologia bizantina presso l’Ateneo tergestino, traduttrice dal greco e poetessa, ha pubblicato per Thauma Edizioni due raccolte di versi. Suoi articoli, poesie e racconti sono comparsi in riviste italiane e internazionali. Ha organizzato, assieme al prof. Andrea Aveto dell’Università di Genova, la riedizione dei Discorsi militari di Giovanni Boine (Museo storico in Trento, 2016). Collabora con le riviste Traduzionetradizione e Poetarum Silva, con l’Università di Atene e con diversi poeti greci, tra cui Ioulita Iliopoulou, Athinà Papadaki, Liana Sakelliou, Christos Toumanidis e Thanassis Hatzopoulos.



*

Fotografia © Evelyn Bencicova


19/02/2021